rajanir photograpy

Nebbia: suggestione nella fotografia

Nebbia: suggestione nella fotografia ma anche una condizione atmosferica particolare che rende la  fotografia teatrale e misteriosa. La presenza della nebbia modifica l’immagine, in quanto funge da correttore, alterando la luce, diffondendola in diverse direzioni. Una scena caratterizzata da poco contrasto ed immagini poco chiare ma che cela un effetto velato, in cui il soggetto (paesaggio, persona o animale che  sia) tende a risultare nascosto e misterioso. La luce graduale illumina tutta la scena, aumentando il senso di profondità e la prospettiva della fotografia, donandole anche un aspetto morbido e vellutato (effetto seta). Questo avviene in funzione di tempi scatto a lunga esposizione, rendendo la foschia più setosa ed uniforme. Inoltre, il senso della profondità dipende dalla distanza dei soggetti dall’obiettivo. Infatti, più aumenta la distanza tra gli oggetti e l’obiettivo, maggiore sarà la quantità di nebbia che si ottiene nel rapporto tra obiettivi e protagonisti della scena. Pertanto ne consegue che, più lontano è il soggetto, più la profondità risulta evidente. Contestualmente può succedere di creare un effetto poco intrigante, in quanto l’intensità della luce, a causa della ridotta visibilità derivata dalla presenza della nebbia, può rendere la foto piatta, perchè oscura i particolari. Più la nebbia è fitta e più la diffusione della luce, tende a diminuire. Quindi, l’elemento su cui lavorare in questo genere di fotografie, è la luce. 

Quale è la maggiore difficoltà in questo tipo di fotografie?

In questo scenario fantastico, la maggiore difficoltà risulta essere l’esposizione poichè per mettere correttamente a fuoco l’intera immagine, è opportuno scattare con tempi di esposizione lunghi, come da 1S a salire. Ma maggiore è il tempo di scatto, maggiore è la possibilità di creare nella fotografia a mano libera il micromosso. Pertanto è necessario l’uso di un treppiede e l’ausilio di uno scatto remoto, al fine di non alzare l’ISO, impostandolo con valori compresi tra 100 e 200. Poichè è possibile fotografare la nebbia sia da alture che ad altezza uomo, in quest’ultimo caso, in base alla luce naturale che l’ambiente propone, può succedere che il fascio luminoso, sia di fronte a voi. In questo modo, i soggetti che verranno fotografati, risulteranno scuri, in modo tale da riproporre il noto effetto silhouette.

 

Nebbia: suggestione nella fotografia
Fotografia di Enrico Raimondo.

Esistono precauzioni da prendere per realizzare le fotografie con la nebbia?

Nebbia: suggestione nella fotografia, dove la foschia risulta essere una scenografia surreale ma che può essere il soggetto dell’immagine. In ogni caso, trattandosi di fotografia paesaggistica e considerando che in queste condizioni climatiche l’aria è umida e bagnata, occorre prendere delle precauzioni per sè stessi e la propria attrezzatura. Stare a contatto con la natura significa anche dover stare per diverse ore fuori casa. Per cui, si consiglia di avere appresso una torcia, acqua, abbigliamento comodo e caldo e tutto ciò che concerne la sopravvivenza. La realizzazione della foto potrebbe impiegare diverso tempo percià sarebbe utile avere delle batterie di scorta e avere delle protezioni che non rovinino la vostra reflex (anche se tropicalizzata), per scongiurare l’effetto condensa. Inoltre, è consigliato di partire con l’obiettivo adatto già installato sulla fotocamera poichè il sensore, è sempre esposto all’umidità durante il cambio degli obiettivi in ambienti aperti.

Come si realizza questo genere di fotografie e che tipo di attrezzatura è consigliata?

Generalmente, la nebbia è presente durante le prime ore del mattino e verso la sera ma in alcuni casi, perdura durante tutto il giorno. In ogni caso, all’alba, al tramonto o in altre ore della giornata che siano, è possibile realizzare degli scatti molto suggestivi. Trattandosi prevalentemente di paesaggio, per questo genere fotografico, è possibile usare gli obiettivi grandangolari che i teleobiettivi come i 18/140, 18/200 e il 18/300 per le mezze formato o il 70/200 per le full frame. Per avere tutto lo scenario a fuoco, occorre chiudere il diaframma con valori compresi tra f/11 e f/22. Oppure si può decidere di lavorare con un diaframma compreso tra f/3,5 ed f/5,6, se si decide di accentuare l’effetto nebbia.

Nebbia: suggestione nella fotografia
Fotografia realizzata da Marco Photos Vancini.

Un valido aiuto può risultare il filtro polarizzatore che attenua la foschia. Infine la post-produzione serve ad effettuare le dovute modifiche, in base a ciò che si vuole realizzare. Ma le foto con la nebbia, risultano spesso un pò grigie e pertanto si potrebbe osare trasformando la fotografia in bianco e nero. In caso di presenza di colori, molto probabilmente, si dovranno aumentare la vividezza o la saturazione dei colori, se ci sono elementi a cui bisogna ravvivarne il colore. Tutto in virtù ovviamente delle idee del fotografo. Nebbia: suggestione nella fotografia. Momenti surreali, dove il pittore della luce, dipinge attimi, caratterizzati dal silenzio che offusca la mente, predisponendola ai sogni.

L’immagine di copertina è stata realizzata dal fotografo Rajanir Photograpy.

0 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.