Tecnica fotografica: come fotografare la luna?

Tecnica fotografica: come fotografare la luna? Il paesaggio notturno è caratterizzato da diversi elementi che, oltre ad essere fonte di ispirazione per il fotoamatore, sono anche momenti in cui è possibile studiare ed affinare alcune tecniche fotografiche. Uno degli elementi della fotografia notturna, che è molto ambito da fotografare, è la Luna. Seppur è distante migliaia di km, non è così difficile da scattare per come si possa immaginare. Per agevolare lo scatto e renderlo più affascinante possibile, occorre seguire qualche piccolo consiglio che potete trovare di seguito.

Tecnica fotografica: come fotografare la luna?
Fotografia di Cinzia Scolaro

Come prima cosa, per fotografare la luna, occorre valutare le condizioni climatiche, usando l’attrezzatura più adatta. Trattandosi di scatti notturni, è più facile trovare l’aria umida il che rende la realizzazione della fotografia una vera e propria impresa. Infatti la presenza dell’umidità riduce la nitidezza dell’immagine e può offuscare l’obbiettivo. Un altro fattore da evitare è il vento che, nonostante l’uso del treppiede, nel caso in cui sia eccessivamente forte, può creare il micromosso. Sebbene la Luna non richieda tempi di esposizione lunghi, l’uso di questo accessorio serve ad evitare che il peso del teleobiettivo possa far venire la foto mossa. Il teleobiettivo, dotato di una lunghezza focale di almeno 300mm, serve per fotografare nel dettaglio la Luna, prendendo anche i crateri. Ciò, è consigliato per evitare, in fase di post-produzione, diversi ingrandimenti con il rischio di perdere risoluzione. Ma questo dipende anche dal tipo di composizione che si vuole impostare.

Tecnica fotografica: come fotografare la luna?
Fotografia di Antonio Treccarichi

La stessa composizione è importante per evitare di effettuare degli scatti simili. Per evitare che lo scatto sia monotono, fotografando solo la Luna, questa deve essere ben bilanciata. Infatti, per dare alla foto armonia e staticità, si può usare la Regola di terzi. Ancora, considerando il fatto che il nostro satellite è molto luminoso, si può pensare di usarlo come lo sfondo di una silhouette. Anche la presenza di un paesaggio può creare un effetto suggestivo a patto che si rispetti la nozione principale della fotografia paesaggistica, ovvero quella di tenere l’orizzonte dritto. 

Tecnica fotografica: come fotografare la luna?
Alcune fasi della Luna. Fotografia di Giuseppe Seggio.

Come impostare la reflex? Come prima cosa è consigliato di scattare in formato RAW per avere sempre una buona qualità e per essere agevolati nella fase conclusiva della post-produzione tramite l’uso di Photoshop. Considerando di fotografare in modalità manuale e che la Luna è molto luminosa, il valore dell’ISO deve essere il più basso possibile, pari a 100. Alcune Reflex possono arrivare anche ad un valore pari a 50. Questo per garantire all’immagine una qualità ottimale senza che sia presente un minimo di “rumore”. Per quanto riguarda il valore del Diaframma, si consiglia di impostarlo con una chiusura compreso tra f/8 ed f/11, per avere una buona profondità di campo ed una buona nitidezza. I Tempi di scatto, invece, se si utilizza un teleobiettivo con una lunghezza spinta, come ad esempio un 300mm, il tempo di scatto minimo da usare è maggiore o uguale ad 1/300, per evitare il micromosso, scattando però a mano libera. Utilizzando il citato treppiedi, si può tranquillamente fotografare con valori più basso come 1/100.

Tecnica fotografica: come fotografare la luna?
Alcune fasi della Luna. Fotografia di Giuseppe Seggio.

Un accessorio che può risultare utile è lo scatto remoto, poichè consente di effettuare diversi scatti senza avere il pensiero di toccare la fotocamera, evitando anche il rischio del “temibile” micromosso, pur avendo a disposizione il treppiedi. Qualora non abbiate a disposizione il telecomando, basta impostare l’autoscatto e la fotografia è garantita. Per agevolare lo scatto, a differenza della messa a fuoco automatica con la quale ogni volta che si scatta, occorre mettere a fuoco il singolo scatto, si consiglia di impostare la messa a fuoco in modalità manuale. Questo perchè si dovrà mettere a fuoco il soggetto una sola volta, purchè il treppiedi non venga spostata di un millimetro. In ultima analisi, la modalità SPOT serve per misurare la corretta esposizione poichè come ben sappiamo, la Luna essendo molto luminosa, si rischia di effettuare una foto sovraesposta. 

Tecnica fotografica: come fotografare la luna?
Alcune fasi della Luna. Fotografia di Giuseppe Seggio.

Tecnica fotografica: come fotografare la luna? Fotografare il paesaggio notturno con la Luna come soggetto principale consente di stare a contatto con la natura ed è una prospettiva di immagini, pensieri, sentimenti, in grado di trasmettere profonde emozioni.

L’immagine di copertina è stata realizzata da Cinzia Scolaro.

0 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.