immagine di copertina

Fotografia di gravidanza: come esprimere la maternità

Fotografia di gravidanza: come esprimere la maternità. In una coppia, la nascita di un bambino o di una bambina, è un avvenimento molto importante, che completa il progetto di realizzazione della famiglia. Negli ultimi anni, con lo scopo di ricordare questo ciclo della vita, si è largamente diffusa nella corrente fotografica, la Fotografia di gravidanza. Questo genere fotografico, chiamato anche Pregnancy photograpy, è un genere relativamente nuovo attraverso il quale vengono realizzati dei book fotografici alle mamme col pancione. Sono immagini dall’alto impatto emotivo, perchè la maternità ed il nascituro, sono l’esempio dell’ amore che rappresentano l’emblema dell’intimità di una coppia. Poichè il soggetto di questo genere fotografico è una persona, per realizzare la Fotografia di gravidanza, occorre adottare le regole del ritratto. Di seguito vediamo i dettagli. 

Per realizzare la Fotografia di gravidanza, occorre che la mamma si trovi tra la 28esima e la 32esima settimana di gravidanza, in modo da avere il grembo in evidenza. Come nel ritratto, anche nella Pregnancy photograpy, si può realizzare il primissimo piano, il primo piano e la figura intera. In tutti e tre i casi, bisogna focalizzarsi sul pancione, evidenziandone appunto la maternità. Inquadratura, apertura e chiusura del diaframma, compensate ad uno studio attento della luce, possono creare immagini di grande spessore e sensibilità. Anche in questo caso, si può decidere di scattare sia in uno studio che all’esterno. Vediamo le differenze:

  • Scatto in studio fotografico. In questo caso, la gestione e la scelta della scenografia sono più controllate, dalla scelta delle luci, dello sfondo e dal vestiario, usando uno sfondo bianco o nero.  Nel caso in cui si scelga di creare il book nell’appartamento stesso, si potrebbe optare come scenografia, la camera da letto o il bagno, proprio a sottolineare l’intimità e il simbolo della maternità.
Fotografia di gravidanza: come esprimere la maternità
Fotografia di Alessandro Marino.

Fotografia di gravidanza: come esprimere la maternità. Per fotografare la gravidanza, mettendo in evidenza la maternità, la scelta delle luci risulta è fondamentale. 

  • Scelta delle luci. E’ consigliato usare una luce continua (luce principale) come dei fari posizionati sullo stativo, con un angolo di inclinazione compreso tra 45 e 60 gradi sul grembo per offrire una migliore risoluzione. E’ da specificare che alla luce principale si aggiungono la luce complementare (luce di intensità inferiore che serve a moderare le ombre, rendendo visibile le parti non illuminate dalla luce principale); luce ad effetto ( per dare profondità e rilievo all’immagine); luce di sfondo (che punta sullo sfondo).
  • Uso del flash. Al fine di garantire una migliore nitidezza del grembo, è possibile usare anche i flash quali monotorcia e speedlight ( ossia dei flash stroboscopici che producono lampi di luce molto brevi ed intensi, rispetto alle lampade continue). In questo modo, si ha la percezione di allontanare il soggetto dallo sfondo, creando dei contrasti tra luci ed ombre. 
  • Sfondo. Nel caso in cui si decida di scattare le immagini a casa, è opportuno realizzare come sfondo, delle tonalità chiare come una tenda, da utilizzare come softbox per rendere più morbida la luce esterna. 
  • Utilizzo del diaframma che va impostato tra valori compresi tra f/8 ed f/11, poichè consente di controllare la potenza del flash, ottenendo una fotografia perfettamente a fuoco. 
  • BokehE’ la sfocatura della scenografia, che rende l’immagine molto suggestiva e la si ottiene con l’apertura massima della focale dell’obiettivo, qualsiasi esso sia.

Come si può realizzare la Fotografia di gravidanza in spazi aperti? Per lo scatto all’esterno, occorre evitare di scattare nelle ore centrali della giornata (per evitare la sovraesposizione, rischiando di bruciare la  foto). Inoltre è sconsigliato di utilizzare sfondi chiari. Tuttavia è possibile è possibile realizzare alcune tecniche fotografiche come la silhouette, sfruttando le situazioni di controluce, al tramonto, ad esempio. In questo caso, un aiuto per la realizzazione dello scatto, è la misurazione spot ( la cui denominazione deriva dall’inglese punto ed indica una misurazione esposimetrica basata su una piccola porzione della scena).

Fotografia di gravidanza: come esprimere la maternità
Fotografia realizzata da Giorgia Jojo.

Quali obiettivi occorre usare per realizzare la Pregnancy Photograpy? E’ possibile usare un obiettivo grandangolare purchè non si apra al massimo la focale, al fine di evitare la deformazione dell’immagine stessa. Per avere un’ottima resa, si consiglia di usare gli obiettivi fissi che si suddividono in:

  • 105 mm per il primissimo piano.
  • 85 mm per il primo piano.
  • 50 mm per la figura intera. Queste tre ottiche sono riferite alle reflex full frame o pieno formato. 

Per le Aps-c o mezze formato, è da adottare il 35 mm.

Quali sono le modalità di scatto da usare per realizzare la Fotografia di Gravidanza? Come tempo di scatto, trattandosi comunque di ritratto, è possibile scattare tra 1/80s ed 1/125s. Per quanto riguarda l’impostazione dell’ISO, trattandosi di scatto in studio, la programmazione è da impostarla su valori compresi tra 400 e 800. Altro elemento da non sottovalutare è l’inquadratura, adottando un’angolatura di 3/4. Questo, per evitare che l’inquadratura frontale, appiattisca l’immagine. Tuttavia, qualora si effettuino dei ritratti in primissimo piano e frontali del pancione, porre le mani sulla pancia o ai fianchi, ne evidenziano la rotondità del grembo. Un altro tipo di inquadratura è quella dall’alto per ridurre altre parti del corpo che non interessano in questa sessione di scatti. Queste sono le linee guida per come affrontare questo recente genere fotografico. Ovviamente le tecniche da usare sono svariate, da correlare ad una serie di prove e ad una certa dose di creatività. 

Altri consigli per evidenziare la maternità nella gravidanza si riferiscono al tipo di abbigliamento che varia anche in base alle stagioni, al luogo e al tipo di sessione. Se estate, ad esempio, si può optare di indossare un reggiseno a fascia e la pancia scoperta. Un’altra idea è quello di poter scrivere delle frasi carine sul pancione (che è sempre il protagonista della Fotografia di Gravidanza) con dei colori non tossici. Nella stagione più fredda, invece, si possono indossare vestiti lunghi e magliette aderenti, magari un abbigliamento casual, che non creino delle pieghe, possibilmente con colori chiari. Un altra idea per rendere questo book fotografico memorabile, tra i ricordi della coppia, è quella di poter effettuare degli scatti con il papà o con il fratellino o la sorellina. Questo consente di rappresentare oltre che l’intimità della coppia, anche l’unione del concetto di famiglia. Nel caso del ritratto a figura intera, i capelli sciolti o raccolti della mamma, possono essere un dettaglio che fanno la differenza. In ultima analisi, per questo genere fotografico, occorre dare sfogo alla propria creatività per rendere unici questi momenti, dove dedizione e prove di scatto, consentono di realizzare ciò che si vuole.

Fotografia di gravidanza: come esprimere la maternità. Un genere fotografico, creato per immortalare il neonato ancora nel grembo, per regalare e ricordare dei momenti intimi, quasi magici, con delle emozioni uniche. Maternità: espressione di amore e di dedizione materna.

Le fotografie dell’immagine di copertina sono state realizzate dai fotografi Alessandro Marino e Giorgia Jojo.

0 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Optionally add an image (JPEG only)